Pubblicato il 21 Marzo
Giorgio Donegani, tecnologo alimentare esperto di Nutrizione ed educazione alimentare, Past President di Food Education Italy - Fondazione Italiana per l’Educazione Alimentare, è membro del comitato tecnico scientifico del MIUR “Cibo e Scuola” per la diffusione dell’educazione alimentare nella scuola italiana.
Le uova: un tesoro dentro al guscio. 5 motivi per gustarle spesso.
Non hanno troppe calorie, forniscono proteine, contengono grassi “buoni” e sono ricche di vitamine e sali minerali… Ecco il profilo di un alimento che meriterebbe decisamente più spazio in tavola.


  1. HANNO UN ALTO CONTENUTO DI PROTEINE
    Le proteine sono un po’ i mattoni del nostro organismo, importantissime per costruire e ricambiare i suoi tessuti, primi tra tutti i muscoli. Nelle uova sono un po' meno concentrate che nella carne (nell'uovo sono circa il 12%, contro il 20% del manzo), ma sono in assoluto le proteine di miglior qualità nutritiva, cioè quelle che il nostro organismo riesce a utilizzare meglio e più facilmente. Per questo non ha nessun senso accompagnare le uova ad altri alimenti proteici come la carne o il pesce: oltre ad assumere un inutile surplus di proteine, si appesantirebbe la funzione digestiva. Viceversa, l’unione delle uova con ingredienti ricchi di amido (per esempio la farina) permette di ottenere ricette nutrizionalmente più ricche e meglio bilanciate.
    Sempre a proposito di proteine, un dato che non è di tipo nutrizionale ma non per questo è meno interessante riguarda il costo: confrontandole con carne e pesce, alla migliore qualità proteica delle uova fa riscontro un prezzo di gran lunga più basso!

  2. FORNISCONO GRASSI “BUONI”
    Ormai nessuno pensa più che facciano male al fegato (è una convinzione che risale ai tempi in cui la medicina, priva dei moderni mezzi di diagnosi, prendeva spesso degli abbagli…), ma è sbagliata anche l’idea che le uova siano piene di grassi e colesterolo, basti pensare che due uova contengono in media circa 11 g di grassi contro i 15 g di un etto di prosciutto cotto… Peraltro, quelli delle uova sono per più del 60% grassi “buoni” di tipo insaturo, e sono anche ricchi di fosfolipidi dei grassi particolari decisamente utili per la crescita perché entrano nella costituzione del tessuto nervoso. Quanto al colesterolo, c’è solo nel tuorlo e in quantità minore rispetto a qualche anno fa, grazie ai progressi fatti nell’allevamento delle galline. Insomma, non c’è davvero nessun motivo per cui chi non ha problemi di colesterolo alto rinunci a un alimento tanto prezioso.
  3. AIUTANO A MANTENERE SANA LA VISTA
    Questa azione è dovuta principalmente al buon contenuto di vitamina A, che resiste alla cottura e, ha proprio la capacità di proteggere il meccanismo della visione (bastano due uova per coprire circa un quarto del fabbisogno giornaliero). Inoltre, nel tuorlo d’uovo sono presenti due particolari sostanze chiamate, luteina e zeoxantina, dei pigmenti gialli che agiscono come potentissimi antiossidanti capaci di accumularsi nella macula della retina e di proteggerla dal rischio della degenerazione che avviene con l’età. Alcuni studi recenti dimostrano anche che l’assorbimento di questi antiossidanti attraverso l’uovo è molto più efficace di quello che avviene assumendoli con la verdura (anche gli spinaci sono ricchi), oppure attraverso integratori da farmacia.
  4. CONTRONTRIBUISCONO ALLA RIDUZIONE DELL’ANEMIA E PROTEGGONO IL CUORE
    Tra i pregi delle uova c’è anche quello di essere particolarmente ricche di ferro, indispensabile per l’ossigenazione del sangue. Ne danno addirittura di più delle lenticchie, e in forma molto più facilmente assimilabile dal nostro organismo. Utili dunque per contrastare l’anemia, le uova forniscono anche quantità importanti di vitamine del gruppo B, capaci di ridurre il livello di omocisteina, una sostanza riconosciuta come fattore di rischio dei disturbi cardiovascolari. Ancora, il rosso d’uovo è ricco di colina, una lecitina che riduce l'assorbimento intestinale del colesterolo, sia quello contenuto nel tuorlo stesso, sia quello presente negli altri alimenti assunti nel pasto.
  5. SONO SOTTOPOSTE A CONTROLLI SEVERI
    L’alto valore nutritivo delle uova è garantito anche dall’assenza di sostanze estranee, in particolare di antibiotici. A questo proposito, in Italia sono state approvate normative molto stringenti e per le uova è specificato che se viene somministrato alle galline un antibiotico (o un qualsiasi altro farmaco) per curarle, le uova possano essere avviate al consumo solo dopo un periodo di tempo più o meno lungo a seconda del prodotto utilizzato. E i controlli sul rispetto della legge in Italia sono molto severi: fanno capo al nostro servizio veterinario, che è considerato un modello di efficienza per il resto dell’Europa.


    Ricordate che per valorizzare al massimo le virtù delle uova e consumarle in piena sicurezza, occorre fare attenzione alla loro freschezza. La superficie del guscio può essere infatti contaminata da diversi germi che, nonostante solide barriere naturali si oppongano alla loro penetrazione, col tempo possono comunque entrare nell’uovo, rendendo decisamente sconsigliabile il consumo delle uova vecchie. Peraltro, non è difficile controllare che le uova siano fresche: basta verificare per prima cosa la data di scadenza: obbligatoria (con un cartello sopra il cesto) anche per le uova “del contadino” vendute sfuse, è fissata a 28 giorni dalla deposizione. Nel caso si abbiano comunque dei dubbi sulla freschezza delle uova è consigliabile controllare direttamente la superficie del guscio: nel caso in cui sia molto lucida sta ad indicare l’età avanza. È’ utile anche scuoterlo: se si avverte un movimento all’interno significa che non è fresco. Infine se aprendo l’uovo in un piatto l’albume si presenta acquoso e giallastro, con il tuorlo piatto che tende a rompersi facilmente, l'uovo non è da consumare.
Infine, un ultimo punto da chiarire: quante uova è consigliabile mangiare per una dieta sana? Le indicazioni dei nutrizionisti sono chiare: portatele in tavola almeno 2-3 volte alla settimana.
Condividi l'articolo


Scopri tutta la semplice bontà dei Semplicissimi Doria

Leggi di più

Articoli correlati
10 consigli semplicissimi in vista dell’estate
18 Aprile - Paola Toia
In forma per l'estate, toniche anche con farine e carboidrati!
13 Aprile - Federica Piersimoni
Risotto con branzino e zucchine
10 Aprile - Caporedattrice Sonia Peronaci
5 imperdibili gite fuori porta primaverili
6 Aprile - Paola Toia
Biscotti uova di Pasqua
15 Marzo - Caporedattrice Sonia Peronaci
Pasqua per grandi e bambini, le semplici attività che fanno sognare in famiglia
8 Marzo - Federica Piersimoni
8 semplici attività per dare un pizzico di magia al tuo rapporto
28 Febbraio - Paola Toia
Cacao: il cibo degli dei
21 Febbraio - Esperto di nutrizione Giorgio Donegani
Cuori di San Valentino: i biscotti al cacao semplicissimi e romantici!
14 Febbraio - Caporedattrice Sonia Peronaci
Io&te, come il cacao e il latte insieme
13 Febbraio - Laura Renieri
Semplici e gustose: mele al forno con mandorle e sciroppo d’acero
9 Febbraio - Laura La Monaca
10 semplici buone abitudini per ripartire al meglio dopo le feste
24 Gennaio - Paola Toia
Insalata di quinoa con verdure e frutta
17 Gennaio - Caporedattrice Sonia Peronaci
Le 5 regole del Q.B. (Quanto Basta)
9 Gennaio - Esperto di nutrizione Giorgio Donegani
Sonia presenta i Semplicissimi Doria al miele d’acacia
21 Dicembre - Caporedattrice Sonia Peronaci
Il benvenuto a Babbo Natale? Semplice, con latte e biscotti...
18 Dicembre - Paola Toia
Burro: 5 ragioni per sceglierlo
14 Dicembre - Esperto di nutrizione Giorgio Donegani
Meringhe, gustose nuvole bianche...
12 Dicembre - Federica Visconti
La semplicità del risveglio
27 Novembre - Laura Renieri
La ricetta per preparare le uova strapazzate
26 Novembre - Laura La Monaca
Riscopri la semplicità della vita
15 Novembre - Paola Toia
Esistono biscotti buoni e semplici...
13 Novembre
Storie di Semplicissimi
10 Novembre - Caporedattrice Sonia Peronaci
La regola fondamentale del benessere?
9 Novembre - Esperto di nutrizione Giorgio Donegani
I bambini sono così: genuini e veri
8 Novembre
Con cosa sono fatti i biscotti?
7 Novembre