Pubblicato il 12 Dicembre
“Nasco come giornalista, mi trasformo in blogger e apro la mia casa a tutte quelle persone che amano il bello delle cose semplici.
Credo nei sogni, nel profumo della torta di mele, nelle foglie croccanti, nelle coperte di lana grossa e nelle serate a lume di candela. Ho un bambino, Sebastiano, di cui sono follemente innamorata.” Federica Visconti
Le magiche nuvole natalizie… per un Natale ancora più bianco e gustoso!
Le meringhe, come tutte le cose dannatamente buone, sono nate da uno sbaglio. Il Maître pâtissier che le ha inventate aveva in mente ben altro, voleva creare un dolce soffice, da forno, ideale da servire per colazione, ma poi questa nuvola bianca così leggiadra ha iniziato a far breccia alla corte austroungarica e da lì non abbiamo ancora smesso di mangiarle.
Ci sono davvero tantissimi tipi di meringhe e ogni zona ha la sua preparazione preferita: la meringa italiana, la meringa francese, la meringa svizzera.


Le mie preferite sono le meringhe francesi, credo che la parte zuccherina sia ben bilanciata con i bianchi d’uovo.
Ma le meringhe non sono solo gustose, sono anche talmente belle che è facilissimo allestire una tavola natalizia con queste nuvole di zucchero.
Vi lascio qui la ricetta e nelle foto potete trovare qualche spunto!

Difficoltà:
10 minuti + sul tempo di cottura

Ingredienti per 4 persone:
100 g di albumi
200 g di zucchero a velo
un pizzico sale
10 gocce di succo di limone
Essenza di vaniglia

Procedimento:
Accedere il forno in modalità statica a 100°.
Prendere le uova a temperatura ambiente e separare gli albumi dai tuorli.
Mettere gli albumi in una planetaria e aggiungere un pizzico di sale e azionare le fruste. Unire 100 g di zucchero a velo. Una volta che gli albumi sono stati montati a neve fermissima, incorporare gli altri 100 g di zucchero a velo mischiato con l’essenza di vaniglia.
Aggiungere alcune gocce di succo di limone.
Mettere il composto in una sac à poche con bocchetta a stella larga e formare le meringhe a piacere.
Una volta terminata questa operazione mettere le meringhe nel forno. Le meringhe devono restare nel forno un paio d’ore circa (se la temperatura fosse più bassa di 80 °C possono occorrere anche quattro o cinque ore).
Non appena sfornate le meringhe sono pronte per essere gustate oppure, se preferite, possono essere conservate in un recipiente di latta da biscotti. Ricordate di consumarle nel giro di una decina di giorni.

E per una presentazione wow? Io consiglio di servire su alzatine di cristallo per esaltarne la leggiadria e la forma. Adagiatele poi su una tovaglia in tartan che solo alla vista fa immaginare montagne innevate. Il consiglio in più? A seconda dei gusti e dei vostri ospiti spolverizzate la superficie con cannella o cardamomo. Vedrete la “delizia pura” dipinta sui loro volti!
Guarda la nostra pagina
Torna alla home dei semplicissimi
Vai


Scopri tutta la semplice bontà dei Semplicissimi Doria

Leggi di più

Articoli correlati
L’estate addosso: la semplicità delle piccole cose
28 Giugno - Federica Visconti
Coppa fragole e yogurt: una bontà semplicissima facile e veloce da preparare
10 Maggio - Laura La Monaca
Semplici e gustose: mele al forno con mandorle e sciroppo d’acero
9 Febbraio - Laura La Monaca
La ricetta per preparare le uova strapazzate
26 Novembre - Laura La Monaca